Chi Sono

Hey gente! Mi chiamo Giusy e sono una viaggiatrice nata e cresciuta in Italia. Ho voluto creare questo blog per tenere traccia dei miei spostamenti. Mi sono resa conto che, quando viaggi tanto, i ricordi dei posti che hai visitato tendono a mescolarsi. Ma probabilmente questo e’ un problema solo mio perche’, da sempre, ho la testa tra le nuvole. Spero, tuttavia, che le foto e le poche parole che spendero’ suoi luoghi che ho avuto la fortuna di visitare fino ad ora possano essere da spinta ai futuri viaggiatori e/o sognatori come me.

Vi racconto un po’ di me!

Sono cresicuta guardando le cartoline che amici e parenti ci spedivano dall’estero. Un giorno vedro’ questi posti con i miei occhi, dicevo. La mia mente incominciava a vagare tra quei luoghi cosi’ lontani e quei paesaggi cosi’ meravigliosi finche’, puntuale come un orologio svizzero, arrivava la battuta di mia madre: Ah si? E con quali soldi? Ritorno alla relata’. I miei non sono mai stati tipi da viaggio. Sono siciliani legati alla loro terra. E poi si sa, la scuola, gli amici, le prime uscite, le prime cotte. Stavo crescendo. Tuttavia, quell’idea del viaggiare si e’ andata a nascondere in un angolo della mia mente, aspettando solo il momento giusto per palesarsi. Come quando dimentichi dove hai messo le chiavi di casa e le cerchi ovunque ma non le trovi. E poi TAC, una lampadina si accende. Ecco, per me quel momento si e’ presentato agli esami di maturita’. Alla domanda del commissario sui miei futuri studi entrai in panico. “Cosa gli rispondo? Voglio andare all’universita’. Si, ma cosa mi interessa? Quali sono le mie passioni?” – mille pensieri in una frazione di secondo. Ed ecco che la lampadina si accese. Amo viaggiare, esplorare, vedere nuovi posti, incontrare persone nuove e poter comunicare con loro nella loro stessa lingua. Lingue. Prendero’ Lingue all’Univerista’. Ecco, per me tutto e’ iniziato da li’.

Da dove parto? Ah si ho bisogno di soldi. Ho incomiciato a lavorare. Ho fatto di tutto: cameriera in un pub, bartender in un bar, babysitter, doposcuola, lezioni private di lingua. Mi sono pagata da sola il mio semestre di studio all’estero. Ho visto posti che non pensavo di poter vedere. Ho conosciuto persone con le mie stesse passioni. Non ero la sola a voler scoprire il mondo. E ho acquistato fiducia in me stessa e ho capito che non mi sarei piu’ potuta fermare. Sono tornata in Italia, mi sono laureata e sono partita senza pensarci un attimo. Volevo realizzare il mio grande sogno: andare in America. Sono gia’ passati sei mesi da quando sono arrivata in Wisconsin. Sono un’aupair. Vivo e lavoro per una fantastica famiglia americana e spendo quasi tutti i soldi che guadagno in biglietti aerei. Ed un piccola parte in vestiti – sono cosi’ cheap, come resitere?

Ho 24 anni e sto vivendo il sogno di tutti, quello americano. Non e’ da folli inseguire i propri sogni. Sono folli quelli che neanche ci provano.